Menu Chiudi

CATALOGO

Apolide è una persona senza alcuna origine, senza alcun senso di appartenenza, ed è proprio così che si sente Elsa, la protagonista. Ventisei anni e una laurea in Lettere Moderne, non riesce a capire quale sia il suo ruolo nel mondo. Un rapporto complesso con la madre, una relazione burrascosa, l’instabile situazione lavorativa, la fanno sentire estraniata e alienata nei confronti di una società che sembra volerla ripudiare. Apolide è un romanzo di formazione che narra le vicende di una generazione precaria. Introspettivo e profondo, indaga l’animo della protagonista e le relazioni con le persone che la circondano.

pag.88 – Isbn 978-88-68924-23-2

1 recensione per APOLIDE

  1. Giada Belotti

    Vi svelo un segreto. La primissima cosa che ho pensato leggendo il prologo è stata: “SÍ! Questo è proprio lo stile narrativo che piace a me”. Ho continuato entusiasta e incuriosita dalla storia: non mi sono più fermata, tant’è che ho presto divorato tutti i capitoli. Le aspettative che mi ero creata fin dalle prime pagine sono state pienamente soddisfatte.
    La protagonista, Elsa, è una ragazza in cui ci si immedesima con estrema facilità e Sabrina, l’autrice, è abile nel farti immaginare ogni cosa, scegliendo le parole più adatte, una ad una, così che tu possa vedere Elsa mentre svolge azioni quotidiane (come pulire casa, lavorare, studiare…), ma anche disperarsi, amare, sperimentare, districarsi tra i rovi in cui la vita la aggroviglierà… Sabrina ti lascia la porta aperta per assistere silenziosamente quando Elsa s’imbatte in emozioni e situazioni a lei estranee, che culmineranno in un risvolto straziante, al punto che le sue battaglie diventano le tue e ci si arrabbia, si ride, ci si interroga, si piange con lei e ci si prepara a rialzarsi, in qualche modo.
    Personaggi forti sono anche l’immancabile mamma e Vittorio: la prima con il suo amore viscerale, il secondo… non posso rivelarvelo.
    Attuale e scorrevole, consiglio caldamente “Apolide” a un pubblico giovane (ma non troppo) e, in generale, a chiunque sia pronto a farsi scuotere dagli eventi inaspettati e abbia voglia di tornare indietro ai propri ricordi perché… andiamo, chi di noi non è stato (almeno inizialmente) Elsa?
    Infine, sebbene non conosca Sabrina di persona, mi sembra già di esserle amica: l’ho sentita vicina attraverso il suo scritto, sia nel racconto che nei ringraziamenti; specialmente in questi ultimi, poiché dapprima spiega come è nato il romanzo, poi si concentra sulle persone che le sono accanto, dando a ciascuno il giusto peso e riconoscimento: è una cosa che amo, da lettrice e da autrice.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sabrina Zuccato, padovana, da sempre nutre una grandissima passione per il mondo dell’audiovisivo e della scrittura, interesse coltivato anche grazie al suo percorso di studi.
Dopo aver conseguito la Laurea Magistrale in Scienze dello Spettacolo e Produzione Multimediale, ha intrapreso l’attività di giornalista e reporter presso alcune testate editoriali del Comune di Venezia.
Apolide” è il suo esordio editoriale.

Carrello della spesa
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
0